Tutti i Saperi della Scienza
Show MenuHide Menu

Parallelismi tra team building e rete neurale

November 26, 2016
neurons

Anche se si tratta di un concetto sconosciuto a molte persone, le reti neurali presentano, in realtà, una miriade di elementi in comune con il team building. La chiave in comune è la finalità di lavorare in squadra per raggiungere un certo scopo, che, in entrambi i casi, si riferisce all’apprendimento.

Come il teambuilding, la rete neurale gioca sul lavoro di squadra per ottenere un risultato comune. Vediamo, nei dettagli, come funziona una rete neurale, presente in ogni essere umano.

Cos’è una rete neurale e che ruolo ha nel team building

La rete neurale è presente nella maggior parte degli organismi ed esseri viventi, tra cui gli esseri umani. Questa è costituita da un circuito di neuroni che reagisce agli stimoli esterni in maniera positiva o negativa. Tale azione viene tradotta in un apprendimento, esattamente come il teambuilding può imparare attraverso degli incentivi.

Una rete neurale non si comporta in modo diverso da un gruppo, essendo, anch’essa, costituita da vari elementi, esattamente come accade in un’azienda. Attraverso il “soma”, che può essere paragonato a un insieme di lavoratori all’interno di un’azienda, vengono prodotti, o meno (a seconda degli stimoli esterni) dei risultati che verranno propagati fino a raggiungere il cliente finale (o “assone”). A tenere in vita l’azienda e organizzare la comunicazione tra i vari gruppi di dipendenti e il mondo esterno c’è il “dendrite”, il capo dell’impresa che ha il compito di incentivarne i componenti affinché producano dei risultati.

Ciò che permette a una rete neurale di soddisfare gli obiettivi richiesti, proprio come il team building dovrebbe fare allo stesso modo, è l’interazione che avviene tra ogni componente. Attraverso il gioco di squadra, avendo, però, sempre stabiliti i ruoli di ogni elemento di un’azienda, è più facile raggiungere dei risultati soddisfacenti. Allo stesso tempo, servono degli stimoli per poter invogliare una squadra a eseguire i propri compiti. Può trattarsi di un aumento sullo stipendio, di un viaggio lavorativo, di una promozione o qualunque altra cosa che sia in grado di appagare il lavoratore.

Per rafforzare le relazioni tra i singoli dipendenti, è importante tenersi in contatto anche fuori dal lavoro, spingendo il gruppo a lavorare insieme e al rispetto reciproco.