Tutti i Saperi della Scienza
Show MenuHide Menu

La scienza del marketing

Fin da quando il marketing è divenuto elemento essenziale nella vita di qualsiasi azienda, sono molte le società che ne hanno fatto un uso smodato. Questo da quando si è capito che nel marketing è nascosto il segreto del successo, chiaramente se vengono fatte le giuste campagne e svolte peraltro nel modo corretto. Sebbene sia una cosa confermata che il marketing funzioni e sia un’arma potente nelle mani delle aziende, quello su cui negli ultimi anni si è molto dibattuto è come classificare questa tipologia di attività. Il marketing secondo gli esperti e studiosi dell’agenzia pubblicitaria di Milano Guru, non è solo un insieme di strategie commerciali più o meno valide, ma addirittura una vera e propria scienza. 

Le fasi della scienza del marketing

Il marketing si può definire come una scienza perché basa i suoi principi su determinati aspetti matematici la cui efficacia è assolutamente dimostrata, cose di cui è bene tenere conto se il proprio obiettivo è quello di avere successo con le campagne di un certo tipo. Ecco alcuni fondamenti che fanno parte del marketing moderno:

  • Quando si fa marketing ci si deve basare su test ed esperimenti scientifici. È invece consigliabile evitare di affidarsi a consigli generici, luoghi comuni e azioni volte a fare qualcosa che non ha precedenti che provino la sua efficacia.
  • Nel mondo del commercio e del marketing in generale si deve stare attenti a cadere in alcune trappole, perché c’è il rischio di incappare in fenomeni contro-intuitivi che sono la deriva del successo.
  • Abbiamo visto in precedenza che non ci si deve far ingannare dai luoghi comuni, e per fare un esempio citiamo quello del marketing B2b. Nell’ambiente si ritiene che questo sia più noioso del marketing b2c. In realtà si tratta di un luogo comune privo di conferme ufficiali.
  • Per fare un esempio ben definito di quello che è un luogo comune, andiamo a citare per esempio quello per cui il giorno migliore per lanciare le proprie campagne pubblicitarie sia quando ci sono tante persone davanti alla tv, ovvero l’ora di pranzo o l’ora di cena. Se però queste persone sono impegnata a lavorare o a svolgere altre attività, saranno in molti fisicamente presenti ma che non avranno avuto modo di seguire la pubblicità perché presi dalle loro faccende. Per questo il momento migliore è senza dubbio quello durante gli week-end.